logo sito def

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta il loro utilizzo. Per saperne di piu'

Approvo

Direttiva 2002/58/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 12 luglio 2002, relativa al trattamento dei dati personali e alla tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche (direttiva relativa alla vita privata e alle comunicazioni elettroniche)

Recensioni

Cadrò, sognando di volare

fabiogenovesi

 

Cadrò, sognando di volare - Fabio Genovesi

 
Due recensioni disponibili.

 

Recensione di Maria

"Perché credere è tutto. Se ci credi, parti, e se parti, rischi di arrivare: basta crederci, e Babbo Natale esiste."

Fabio ha 24 anni, studia giurisprudenza e sta per laurearsi. Prima però andrà in vacanza a Siviglia con i suoi amici a divertirsi come un pazzo...forse...perché siamo nel 1998, esiste ancora la leva militare e Fabio, Fabio caro, Fabio svanito e anche un pochino sfigato, riceve la cartolina per il servizio civile e ti saluto Spagna, amicizie e notti folli! Sugli Appennini bisogna andare, in un convento dimenticato da Dio e da tutti gli uomini, dove vivono due preti sgangherati e una strana creatura piumata.


Unica ancora di salvezza Marco Pantani che quell'estate corre finalmente il Giro d'Italia, dopo due anni di inenarrabili sfortune.

Mi sono attaccata a Fabio, a Marco e al Giro sin dalle prime righe, e che dire? Genovesi si conferma un narratore formidabile.
Questo romanzo è scritto con passione e amore, per uno sport, il ciclismo, tra i più belli e sinceri, e per uno sportivo, Pantani, tra i più sfortunati ed eccelsi che mai siano esistiti.
È una storia che parla di confini, asticelle spostate sempre più in là, regole infrante perché si potesse andare oltre e migliorare. È un romanzo sul crescere, sullo scegliere e sul decidere di essere responsabili e coraggiosi. È un romanzo sull'entusiasmo, la passione e sulla fede assoluta in qualcosa.

Io mi sono divertita e commossa: ho patito con Fabio, ho imparato ad amare Don Basagni e, ragazzi, ho rivissuto l'epopea di Pantani, anzi, forse l'ho vissuta davvero per la prima volta: mi sono arrampicata con lui, in bicicletta, su tortuose e ripidissime strade di montagna, ho fatto scatti, gettato via il cappellino, indossato maglia rosa e maglia gialla, mi sono appassionata e ho fatto un tifo sfrenato pur conoscendo già gli esiti delle gare.
È stato bellissimo, è stata una botta di vita, è stata tanta roba concentrata in un unico giorno, tanto il tempo che ci ho messo per portare a termine questa lettura.
È STRACONSIGLIATISSIMO! (Maria)

 

Recensione di Luigi

Sospiri di meraviglia, casuali e improvvise escursioni fuori dalle rotte prestabilite, questo regala ai lettori ‘Cadrò, sognando di volare”.
La letteratura quando è bella sospende il senso, non cerca significati, e restituisce alla vita la sua forza indicibile. Ma più di tutto la sua impossibilità di raccontarsi.
E' la ricerca del senso di un esistere. Ci sono una domanda e un tentativo di risposta. Il valore aggiunto alla ricerca è la fresca scrittura di Fabio Genovesi, che con la sua prosa lieve e perfetta, un ritrattista dei paesaggi umani, scrive una storia di formazione profonda che riflette sulla distanza emotiva che silenzi e dolori possono instaurare. È un racconto pieno di imperfetta perfezione che parla al cuore di chi non vuole smettere di credere che quanto più ci sarà resa la memoria, verrà il tempo della riscoperta del passato.
Genovesi legge la storia del ventiquattrenne Fabio nel 1998, e discorre in modo scanzonato e leggero dell'amore e dell'illogicità e dell’incostanza del vivere, della bellezza della giovinezza insidiata dalla inerzia e dalla sfiducia, della favola della specie umana così variegata, dimentica di pietà di fronte alla vita che si illude di dominare.
Un racconto pieno di punti interrogativi, di domande, di contrapposizioni; ma anche di parole e silenzi cocenti e della capacità straordinaria di un campione, Marco Pantani, il Pirata, di ispirare antichi miti attraverso il sacrificio dell’Eroe, sia pur chiuso nel ripiegamento della sua solitudine e delle sue imprese. Nulla in queste pagine è sprecato, ogni frase è perfetta, premessa di quella successiva. Ogni pagina innesca l’emotività, allo stesso tempo mantenendosi asciuttissima.
L'autore scrive su cosa significa smarrirsi e poi ritrovarsi, raccontando l’umano dei personaggi che animano il racconto.
A spezzare quella stagnante bonaccia - interiore ed esteriore- di Fabio e del passato doloroso che torna e l’incontro con il vecchio e ruvido prete, Don Marino Basagni, che porterà Fabio alla ricerca delle sue origini e della sua identità, in un convento surreale delle Alpi Apuane. Un viaggio composto di sfaccettarure, di leggerezza e ritrovamenti reciproci: la natura nuda del luogo è onnipresente e con la spinta dell’umanità ferrigna di Don Basagni e degli altri protagonisti accompagna Fabio alle scoperte e soprattutto alle riscoperte. Un romanzo in movimento in cui ogni fluttuazione è un carotaggio delle infinite vibrazioni che agitano noi in attesa della chiave che le doti di un ordine, di una cadenza che la restituisca all’armonia. Un’aspra dolcezza regna sul “Monte” e se n’è completamente avvolti come i protagonisti che quasi ne vengono ingoiati.
Ogni frase dà un’emozione attenta a trasformarsi in pensiero e parola, a non essere invisibili e soli nel mare aperto di una prigione.
In questa messa in scena del mito di Pantani– l’energia figurativa dei particolari delle sue imprese qui risente dell’amore che l’Autore ha mostrato per quest’uomo – mostra come in una sinopia, le domande sul rapporto tra la vita e la morte, dando respiro e immagine a queste domande, e si fa narrazione scenica, suono che disegna mondi, tappeto di silenzi sui cui sorgono voci. Per dire come il perduto possa trovare una sua nuova vita nella parola. L’addio, il dolore dell’addio, è in ogni passo delle ultime pagine del romanzo .
Si rischia di cadere, sì, ma quando alla radio passeranno la canzone della nostra adolescenza e dei mitici Doors, allora, cantandola a squarciagola coi finestrini abbassati, di sicuro voleremo.

Proprio bello il romanzo di Fabio Genovesi (Luigi)

 

salotto

Le recensioni della Libreria del Tempo

Benvenuti a tutti gli appassionati di libri, vi invitiamo a scriverci quale libro vi ha appassionato, quali sono stati i libri che non vi hanno lasciato dormire la notte, quali vi hanno fatto innamorare. 

Scrivete la vostra recensione e mandatela al nostro indirizzo mail
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Vi aspettiamo numerosi. 

Come trovarci

logo sito def

 





Orario Apertura

Da Martedì 
a Venerdì 
09.00 - 12.00
14.00 - 18.30
Sabato  09.00 - 12.00
14.00 - 17.00
Lunedì  chiuso
 

interno libreria

 Dove Siamo

 La Libreria del Tempo
 via San Gottardo 156
 6942 Savosa
 Tel:   +41 91 968 12 02 
 Fax:   +41 91 968 12 03
 email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.